Vai al contenuto

2

Gentile direttore Santalmassi,

ho appena ascoltato la contro copertina del giornale radio delle 8 e sono rimasto folgorato.

I miei primi ricordi di conflitti e problematiche nel medio oriente risalgono a 20 anni fa quando frequentavo la scuola elementare e devo dirle che ho sempre provato disagio causato dal non capire esattamente quali fossero le cause di tanta violenza.

Della contro copertina mi a colpito il paragone paradossale tra l'uomo ipertecnologico che partecipa al forum di Davos e le tribù libanesi. Era da tempo che questa chiave di lettura si affacciava alla mia mente e sono rimasto colpito dalla chiarezza con la quale l'ho sentita esporre!

Io scrivo spesso sul mio blog ( www.alblog.it ) di argomenti legati alla libertà digitale che secondo me passa soprattutto per i concetti di neutralità della rete di trasmissione dati. Questo tipo di libertà a mio parere aiuta a conoscersi meglio, a scambiarsi informazioni e a capire le reciproche differenze.

Un sistema di tribù è esattamente l'opposto in quanto isola le persone in gruppi chiusi.

Sono contento di aver sentito parlare di tribù e di tecnologia nel suo giornale radio e spero che questo possa accendere anche in altre persone la consapevolezza che un modo costruttivo e interessante per aiutare il medio oriente sia quello di aiutarli a comunicare di più.

Non pretendo di affermare la superiorità di un non ben definito modello "occidentale" contro un modello "tribale" e mi guardo bene dal dire che i legami tribali siano un male. Tutt'altro! Mi piacerebbe che la gente che può beneficiare dei mezzi di comunicazione tecnologicamente avanzati aiutasse anche le varie tribù che esistono nel mondo ad inserire questi benefici in modo da unire la tradizione ai vantaggi di un dialogo che grazie alla tecnologia si allarga a dismisura!

Purtroppo quello che vedo al riguardo dei problemi del medio oriente è spesso un cumulo di luoghi comuni e di ipocrisie ideologiche.

E' per questo che le ho scritto: per ringraziarla di aver evidenziato questo punto di vista / paradosso della tecnologia a Davos e delle tribù in Libano!

Le potenzialità di una connessione internet a banda larga sono vaste: tempo fa c'erano le e-mail e la navigazione sul web ma ora sono possibili tante altre applicazioni.

Il risultato di tutto questo è che ci troviamo di fronte ad un vincolo: la banda disponibile è limitata ed è anche sbilanciata. Le ADSL sono asimmetriche e questa configurazione funziona bene per un uso normale, anzi per un uso "vecchio".

Molte delle nuove applicazioni sono simmetriche (o quasi). La telefonia via internet (VoIP), la NetTV che usi come trasporto il P2P, altre forme di visione differita di video (sempre basati su uno scambio P2P) e il P2P in genere sono affamate di banda di upload. Una semplice fruizione del web invece trasmette poco e, alle volte, richiede molta disponibilità di banda in download per poter scaricare contenuti interessanti che si trovano in giro.

Passare ad utilizzare connessioni simmetriche per il grande pubblico non è la soluzione. Per molti l'utilizzo della connessione internet resterà prettamente asimmetrico quindi proporre una linea 2Mbit/2Mbit (download/upload) rispetto ad una 4Mbit/256Kbit farebbe felice me e parecchi altri come me ma la stragrande maggioranza no. Visto che un passaggio a soluzioni simmetriche o lo si fa per tutti o non lo si fa lo escluderei. Oltretutto richiederebbe di rivoluzionare parecchi apparati con costi non proponibili.

La proposta di soluzione è quella di auto limitare l'uso della banda (sia in downlaod che in upload) per tutte le applicazioni affamate di banda.

Io ho suddiviso la mia rete domestica in due parti: la prima è senza limiti e ci collego gli ATA per la fonia VoIP, la seconda è a valle ed è limitata da un router che si occupa di tagliare l'uso della banda sia di downlaod che di upload. E' solo dietro questo secondo router che collego tutto il resto.

La soluzione strutturata in questo modo è però fattibile solo per un utente esperto. Se si usasse un modem/router preconfigurato con un limite in percentuale (50-70% della banda disponibile) sulle porte standard utilizzate dalle applicazioni "affamate" anche il grande pubblico potrebbe permettersi di utilizzare tutto quanto ci sia a disposizione riuscendo nel contempo a navigare, gestire le e-mail e telefonare via internet.

Questo tipo di ragionamento presuppone due fattori importanti (tralascio la qualità e la reale e totale disponibilità della banda nominale: questo meriterebbe un intero discorso a se stante): La volontarietà della scelta di auto limitarsi e la collaborazione di chi sviluppa le applicazioni nel farlo impostandole in modo che comunichino sulle porte "limitate" (fermo restando che l'utente esperto possa comunque variare qui parametri: odio gli obblighi).

Lo scenario sarebbe quindi il seguente.

Attivo una connessione internet e, nel caso la acquisti con il modem/router compreso, me la forniscono con il limite attivato. Nel caso voglia il mio modem/router sarebbe comunque un oggetto con il limite attivato come impostazione di fabbrica e, in entrambi i casi, disattivabile.

Utilizzo più applicazioni contemporaneamente ma tutte hanno le impostazioni predisposte per comunicare sulle porte limitate e quindi, anche se no ho idea di quello che faccio, automaticamente le tengo sotto controllo evitando che intasino la mia linea.

Tutto perfetto e facile? Purtroppo no.

Prima ho dato per scontato due prerequisiti fondamentali. La connessione internet deve essere realmente always on, passare su un supporto affidabile (niente doppini marci e affini) e tanti altri dettagli di questo tipo che ne fanno una linea di qualità. Per questo primo punto ci sono delle criticità da risolvere ma sono risolvibili.

Il secondo prerequisito invece è il punto dolente: la banda realmente disponibile deve essere pari alla banda nominale. Attualmente la cosa non è fattibile nel momento che tanti utenti iniziassero realmente a sfruttare appieno la loro connessione.

A questo punto si ritorna ancora su temi cari Stefano Quintarelli e sui quali trova in me un sostenitore: Net Neutrality e One Network. Fino a quando non si andrà verso soluzioni che rendano realmente disponibile per molti l'intera banda nominale che le singole connessioni hanno c'è solo da sperare (sigh) che poca gente utilizzi tutti questi nuovi ed interessanti servizi che usano come trasporto il P2P!

Proprio mentre finisco di scrivere questo articolo Quintarelli ne ha pubblicato uno che -guarda caso- parla proprio di One Network!

Tommaso Tessarolo invece mi ha ispirato a scrivere questo articolo.

Ottima l'osservazione di Tommaso sulle "tecnologie invisibili". E' indispensabile rendere la fruizione della NetTV trasparente come un normale telecomando da TV per poter raggiungere il grande pubblico.
Non è l'unico punto fondamentale: c'è anche da considerare che la sorgente della NetTV è la connessione internet domestica e quindi anche questa deve essere facile e sempre presente.
Ad oggi per avere una connessione con la banda garantita realmente devi essere seduto sul MIX (o poco meno) o essere realmente fortunato e avere una buona linea in Fibra Ottica, un ottima linea in ULL oppure essere super fortunato e avere una ADSL Wholesale che funzioni!

Tommaso Tessarolo parla in un articolo dei vantaggi del P2P per distribuire contenuti come radio e TV.

In estrema sintesi (ma il suo articolo leggetevelo che, come sempre, è esauriente) l'uso di banda di chi trasmette usando un sistema P2P si riduce drasticamente.
Portando avanti il suo ragionamento posso aggiungere un ulteriore tassello.
Se la Net Radio risparmia 111.2Mbit chi li paga?
Essendo una struttura P2P li "pagano" i singoli utilizzatori che in realtà , avendo un contratto flat, non pagano nulla di più della loro tariffa.
Tutti risparmiano a scapito del carrier?
Esatto ma il Carrier è cornuto e mazziato perché oltre a perdere introiti per quei 111.2Mbit si vede intasare la parte terminale delle proprie infrastrutture di rete dato che i singoli user passano attraverso tutti gli ultimi anelli della struttura di trasporto: apparati nelle centrali di zona e trasporto verso i backbone. Concentrando quel traffico su un server i carrier hanno invece il vantaggio di poterlo piazzare direttamente connesso al loro backbone evitando di dover potenziare le strutture che danno la connessione a noi poveri utenti adsl!

Ben venga quindi il P2P se il risultato (oltre a far arrabbiare i carrier) è che qualcuno dovrà potenziare le infrastrutture che ci portano la connessione internet in casa!

Oggi ho visto una chiostrina Telecom sostituita!

Il fatto è eccezionale: nel senso letterale del termine. Di chiostrine mezze distrutte o anche solo con lo sportello guasto (non si chiude) ne vedo un infinità e il fatto di essere passato a fianco di una di queste ed aver constatato che è stata sostituita e che l'asfalto alla base è stato ripristinato è un autentica eccezione!

Come spesso mi capita prendo spunto da una notizia o, come in questo caso, da un fatto che rilevo io direttamente per poter dire la mia su una questione più generale.

La manutenzione di una rete capillare di doppini in rame (il famoso ultimo miglio) è sicuramente costosa. Per manutenzione poi si possono intendere interventi di natura abbastanza diversi. Quello del fatto in questione è uno ma esistono anche diverse situazioni nelle quali interi fasci di doppini sono così vecchi che farci passare una ADSL è un impresa!

Non ho l'esatta conoscenza degli obblighi di Telecom in quanto gestore del monopolio naturale dell'ultimo miglio ma presuppongo che tra questi ci sia la manutenzione.

Lasciare questo compito importante e delicato al puro rispetto di un obbligo comporta che venga svolto nella maniera più economica possibile e, come unico parametro, facendo in modo che il degrado resti entro la misura che non arrivi a danneggiare troppo il proprio giro di affari.

Se la gestione della rete fosse disgiunta (quantomeno come divisione interna, non necessariamente come separazione in due aziende della Telecom) dal resto e dovesse rendere conto e girare i costi della manutenzione a tutti in modo trasparente forse lo stato della nostra rete sarebbe migliore e magari ci sarebbe spazio per investimenti e migliorie che vanno ben oltre la semplice manutenzione!

Questo punto di vista è parziale in quanto non tengo conto molti altri fattori che porterebbero a spingere verso la soluzione della separazione ma ammetto di non avere le competenze e le conoscenze di persone del calibro di Stefano Quintarelli che, tra l'altro, parla spesso anche di questi tipi di problematiche!

Leggendo una notizia dove si spiega che finalmente Fastweb è riuscita a produrre cassa mi è subito venuto il pensiero: "Per forza!".

Investire cablando in fibra fino in casa/ufficio è un impresa ciclopica e dai costi elevati.

Difatti hanno smesso da tempo di farlo e si sono orientati ad un sistema che permettesse un ritorno degli investimenti più rapido. Hanno cablato in fibra solo fino alle centrali di zona Telecom e lì dentro hanno piazzato i lori apparati (DSLAM) per coprire le utenze con quello che è chiamato ULL.

Non contenti di aver ridotto la qualità della linea che arriva in casa alla propria utenza di recente hanno pensato bene di ridurla ulteriormente utilizzando un sistema con ancora meno costi: rivendono connettività Telecom mettendosi allo stesso livello di un piccolo ISP.

Meno soldi investiti di così (e meno qualità di così) non credo sia possibile ma potrei anche sbagliarmi. E' per questo che dico che è scontato che facciano cassa!

Ecco uno dei tanti annunci sulla partenza del WiMax. Nell'articolo ricordano anche quanto sia importante il WiMax come futuro sostituto delle attuali xDSL (ADSL ma anche le futuribili vDSL).

Di annunci ne ho visti tanti... speriamo che sia la volta buona e che realmente a giugno 2007 vengano rilasciate le prime licenze!

Nokia ha in programma un cellulare WiMax: non vedo l'ora che parta WiMax e che Nokia rilasci questo famoso cellulare!

Per chi non lo sapesse un utente Vodafone aveva usato la connessione tramite rete mobile Vodafone pensando che fosse flat a tutti gli effetti mentre, come ben specifica il contratto, ha un tetto mensile sforato il quale si paga (tanto).

La simpatica bolletta ricevuta era di 50'000€!

Vodafone, visto il polverone che si era sollevato, ha pensato bene di sfruttare la situazione avvisando pubblicamente che rinuncerà a quei soldi.

Questa è una gran bella mossa pubblicitaria (come fa giustamente notare Punto informatico in questo articolo) ma soprattutto è a costo zero.

L'infrastruttura di rete dove transitano i dati non costa di più se ne transitano tanti o di meno se ne transitano pochi. Quantomeno non se la differenza è quella che può fare un singolo utente!

Quello che non vogliono capire i gestori di fonia mobile è che presto o tardi il loro prodotto dovrà orientarsi verso la sola fornitura di connettività (possibilmente di qualità) visto che la fonia andrà sempre più verso il "costo zero" transitando su internet grazie al VoIP!