Vai al contenuto

Grazie ad una nuova legge dello stato della California avremo maggior sicurezza sui dispositivi IoT.

Questa legge impone a tutti gli oggetti connessi di avere un ragionevole livello di sicurezza: dato che i produttori di dispositivi IoT devono aggiornare il loro software per poter vendere in California e che non ha senso mantenere un ramo "sicuro" per la California e uno "insicuro" per tutti gli altri, questo miglioramento sarà per tutti.

Via Bruce Schneier

Interessante articolo di Bruce Schneier sull'uso dei dati personali degli IoT (per esempio videocamere di sorveglianza ma anche aspirapolvere e altro). I produttori di questi oggetti non pubblicano nulla sulla trasparenza nell'uso dei nostri dati e non commentano al riguardo quando interpellati.
Siete sempre convinti che sia bello, comodo e fantastico avere il proprio sistema di allarme, con magari videocamere interne, connesso via internet al sito del produttore?
Segue una traduzione molto libera del breve articolo di Bruce.

I dispositivi IoT sono dispositivi di sorveglianza e i produttori generalmente li usano per raccogliere dati sui loro clienti. La sorveglianza è ancora il modello di business di Internet e questi dati sono usati contro l'interesse dei clienti: sia dai produttori che da qualche terza-parte al quale il produttore vende i dati. Ovviamente questi dati possono anche essere usati dalle forze dell'ordine; lo scopo dipende dalla nazione.

Niente di tutto questo è una novità e molto di questo è spiegato nel mio (ndt suo: di Bruce) libro Data and Goliath. Quello che è comune per le aziende di Internet è di pubblicare un "rapporto sulla trasparenza" che indica almeno le informazioni generali su come le forze dell'ordine usano questi dati. Le aziende IoT non pubblicano questi report.
TechCrunch ha chiesto informazioni ad alcune di queste aziende e, fondamentalmente, ha scoperto che nessuno parla.

Via BoingBoing

1

Un aspirapolvere potrebbe essere trasformato in una spia e questo può succedere perché, prima di tutto, c'è la mania di avere tutto quanto connesso ad internet ( IoT ) e poi perché qualcuno ha avuto la strana idea di dotarlo di un microfono.

A questo punto, dato che spesso la sicurezza informatica di questi oggetti è molto bassa, succede che vengano trovati sistemi per manometterli e trasformarli in dispositivi di sorveglianza. In questo caso bisogna poter mettere fisicamente le mani sull'aspirapolvere quindi il tipo di attacco è limitato: se hai un malintenzionato in casa il problema maggiore non è l'aspirapolvere.

Bruce Schneier si domanda perché un aspirapolvere debba essere dotato di microfono e pure io me lo chiedo. In più mi chiedo anche il perché di questa mania di avere tutto connesso: soprattutto visto che quasi nessuno si cura della sicurezza di questi oggetti.