Vai al contenuto

GoogleLogo.gifUn altro post con le domande che mi formulate indirettamente cercando con Google.

Come sempre seguono le domande e le risposte:

p2p senza ip pubblico

Il p2p è scambio tra pari (peer to peer) e quindi necessita, oltre di poter scaricare dagli altri, di poter mettere in condivisione. Per fare questo si deve essere visibili in internet e quindi serve un ip pubblico. Il caso emblematico è Fastweb: niente ip pubblico e quindi p2p monco. L'unico p2p completo, in Fastweb, è quello fatto solo tra utenti Fastweb.

Non che senza ip pubblico non si possa usare programmi p2p ma si hanno delle limitazioni.

asterisknow virtuale

Non sono sicuro che volesse cercare un centralino VoIP virtuale ma io l'ho capita così. Per non dover avere una macchina in casa con sopra AsteriskNow, come Elastix o altri centralini VoIP ma avere comunque un centralino VoIP io suggerisco l'ottimo (e gratuito) centralino virtuale di LiberailVoIP

.

telecom mantenere numero cambiando sede

Mi risulta sia un operazione fattibile e anche normale. E' a pagamento. Se invece sfruttaste l'occasione per passare al VoIP potreste equipaggiare la nuova sede con un sistema VoIP e, una volta terminato e testato il tutto, chiedere la portabilità del/dei numero/i.

GoogleLogo.gifVisto che ogni tanto trovo dei visitatori di questo blog che arrivano avendo cercato una risposta ad una loro domanda su Google e che, alle volte, la risposta è semplice ma non c'è nel mio blog inauguro questo post aperiodico.

Ecco alcune domande seguite dalla mia risposta.

costo number portability eutelia

E' gratis. Altri gestori VoIP la fanno pagare EuteliaVoip no.

1200 nokia problemi

Tra mia moglie e i miei genitori ne ho visti all'opera un po' e non ho riscontrato problemi: è un telefono estremamente basilare ma con alcune chicche (tipo la torcia led) e il poco che fa lo fa bene.

configurare elastix con skypho

Ostico, veramente ostico. Esistono alcune spiegazioni su come fare ma il concetto è che EuteliaVoip (prima chiamata Skypho) pare essere veramente difficile da usare con linee sotto Asterisk. Il problema risiede nel vostro router: in particolare in alcuni dettagli su come il router gestisce le comunicazioni. Per aggirare il problema potreste registrare il numero EuteliaVoip su LiberailVoIP (un centralino virtuale gratis) e usare l'interno di LiberailVoIP in Astersk. Non è molto elegante ma funziona (l'ho provato personalmente).

commenti su adsl eolo

Io ne parlo spesso ma, essendo rivenditore potrebbe sorgervi il dubbio che sia di parte quindi vi suggerisco la sezione EOLO del forum di NGI dove troverete anche clienti con problemi e come gli altri utenti o lo staff li hanno aiutati a risolverli.

fa male il bluetooth?

No. Per lo meno non ci sono evidenze in tal senso. Così come non ce ne sono riguardo ai cellulari, al WiFi e a molto altro ancora. Il principio di prudenza dice di fare a meno delle onde radio quando ci sia la possibilità di cablare ma se, ad esempio, parliamo di auricolari bluetooth io preferisco la bassissima emissione del bluetooth nell'orecchio piuttosto che appoggiare l'antenna del cellulare all'orecchio: è più prudente.

Per questa volta direi che basta. Voi che invece mi leggete regolarmente volete sottopormi qualche domanda?

5

AsteriskNOWVi propongo una recensione negativa di AsteriskNOW: non me ne vogliano gli sviluppatori ma questa è la mia personale esperienza.

AsteriskNOW è un pacchetto completo basato su Asterisk e dotato di un interfaccia via web per i settaggi.

Si scarica l'immagine del cd che, una volta masterizzato, permette facilmente di installarlo su un computer facendo boot dal cd.

Fino a qui tutto bene, anzi, bene anche nei passaggi successivi che sono i settaggi per rendere operativo il centralino.

I problemi sorgono quando comincio a combinare porcherire con le impostazioni (è il mio hobby: toglietemi tutto ma non i miei smanettamenti) e il risultato è che inizia a non funzionare più come dovrebbe.

So di essere colpevole di maltrattamento di centralino VoIP ma non è un buon motivo per dover dare un voto positivo ad un prodotto: se l'interfaccia web di gestione fosse realmente ben fatta mi aspetterei che non mi permettesse di combinare disastri e, soprattutto, nel caso succedessero che mi permettesse di risolverli.

Ovviamente alla base c'è Asterisk e quindi potrei lavorare sui file di configurazione a mano ma che senso avrebbe aver optato per una facile interfaccia web se poi mi tocca lavorare a linea di comando?

Risultato? Ora vedrò di mettere a dura prova Elastix (che, per ora, mi ha già fatto arrabbiare) e poi, forse, vi dirò cosa ne è venuto fuori.

I miei ve li ho detti: voi che disastri combinate?