Vai al contenuto

4

Le palle di Napolux :)

Questo non è un post Natalizio come quelli di Napolux (dal quale rubo l'immagine) ma è solamente uno sfogo.

Sui biglietti di auguri natalizi che l'Antitrust riceverà dagli operatori mobili sono certo che ci saranno i loro ampi e sentiti ringraziamenti per l'ottimo (per loro) lavoro svolto dall'autorità -.-

A parte il mio (e quello di Stefano Quintarelli) evidente sdegno per la situazione mi chiedo se non siamo troppo esigenti. Prima cosa c'era? Forse prima non c'erano neppure le sanzioni dagli importi ridicoli che ci sono ora e quindi dovremmo smetterla di lamentarci.

Non me ne frega niente e non voglio neppure sbattermi per controllare cosa succedesse prima. Mi basta sapere che ora L'Antitrust sanziona delle violazioni comminando multe ridicolmente basse e questo è un ottimo sistema per spingere i sanzionati a continuare sulla loro strada.

Il messaggio che passa difatti è che si può violare le regole visto che le sanzioni che arrivano sono totalmente ininfluenti rispetto ai ricavi: se vi mettessero una multa di una ventina di centesimi per divieto di sosta vi fareste scrupoli nel parcheggiare male? Perché una compagnia telefonica dovrebbe farsene? Leggetevi l'ultimo dei tanti esempi di Stefano Quintarelli e inorridite.

EDIT: nei commenti del post di Stefano trovo un interessante segnalazione di Andrea D'Ambra

Da noi fanno gentili omaggi e regalano prolungamenti delle licenze sulle frequenze, mi fanno alterare e mi ritrovo a parlare di vaselina.

Fanno alterare anche Stefano Quintarelli che, molto più signorilmente di me, ri-segnala il suo stesso post.

Invece in UK il regolatore Ofcom (l'omologo della nostra Agcom) decide di togliere a due operatori un po' di banda su una frequenza per darla ad altri e favorire la concorrenza. Attenzione che oltre a questo Ofcom dice che non darà nessun rimborso ai due "espropriati"!

Ma noi, rispetto agli inglesi, chi siamo? I più deficienti del quartiere?