Vai al contenuto

Ho fatto un ponte radio WiFi

DD-WRTHo fatto un ponte radio WiFi e, siccome funziona bene, ho pensato di condividere i dettagli. Li trovate in questo post che ho scritto per DynamicK: Ponte radio WiFi per estendere la propria rete cablata.

Ovviamente non è andato tutto bene al primo colpo. Mi sono dimenticato di cambiare un IP su uno dei due router del ponte radio e vi lascio immaginare che casino è venuto fuori 🙂

Ho successivamente migliorato la ricezione con una coppia di parabole fatta in casa che ho visto su Napoli Wireless.

Il cuore di questo bel giocattolino è l'ottimo firmware DD-WRT.

Voi fate spesso ponti radio WiFi o più tipicamente fate i ponti con le festività per fare qualche gita? 

10 thoughts on “Ho fatto un ponte radio WiFi

  1. Alberto

    No Carlo, spesso non aggiorno neppure un firmware alle versioni successive per evitare problemi quindi, visto che con DD-WRT mi trovo bene, non ho ancora testato altri firmware.
    In fine dei conti per testare come si deve un router bisogna usarlo in un ambiente reale e l'unico ambiente reale dove posso permettermi di giocare è casa mia.
    Peccato che se disfo la rete di casa poi non vanno più i telefoni (VoIP) e altri servizi che ho pubblicati su un server casalingo 😉

  2. Ste73

    Ciao Alberto.

    Hai lavorato a 2,4 GHz, immagino. La lunghezza del link qual è? E quale il livello di affidabilità che ti aspetti? Noi ormai abbiam mollato i 2,4 da parecchio tempo e lavoriamo solo con i 5, prodotti Alvarion per chi può ed ha link lunghi, prodotti Flyboost by Atlantisland per gli altri (entro 2 / 3 KM). Il Linksys con openwrt va benone, ma se usi antenne ad alto guadagno devi abbassare la potenza per stare nei 100 mw ... e sopra i 500/600 metri ... il primo che accende un ap in zona ti assorda ... 😉

  3. Alberto

    Ciao Ste73 (sei del 1973 come me e come Luca Spada?)

    Ho fatto una soluzione super economica ma potevo permettermi di farlo.
    La distanza è circa 100mt con visibilità ottica: i due router sono a pochi centimetri dalle vetrate e si guardano da, rispettivamente, 6 e 2 metri da terra.
    Anche senza le paraboline il segnale è più che buono e difatti potrei anche togliere tra un po'.
    Ovviamente in queste condizioni idilliache l'affidabilità del link è ottima.

  4. bewyx

    con 2 antenne direzionali e 2 d-link vecchiotti da 100mw un ponte radio di 35 km circa come lo giudicate????ovviamente le antenne son su tralicci,come pure i router in questione,custoditi in scatole di derivazione da elettricista stagne!!!il tutto funziona alla grande da parecchio tempo senza mai presentare problemi di segnale anche in condizioni atosferiche pessime!!!!

  5. Alberto

    Non sono un esperto di legislazione sul wireless (avevo solo verificato, tempo fa, che il mio piccolo esperimento fosse regolare e lo era) quindi non entro nel merito della liceità della cosa ma da punto di vista tecnico mi sembra un bel risultato 🙂

  6. enry

    Il mio problema è che non posso utilizzare la rete wifi della azienda in cui lavoro nonostante sia libera a cui tutti possono avere accesso.Il motivo è che la sorgente del segnale(Linksys) è situata dietro una struttura che,anche se aperta,un maneggio per cavalli,credo io che mi impedisca la ricezione del segnale.Vorrei sapere cosa utilizzare per ricevere il segnale wifi.Come distanza in linea d'aria siamo circa 60 MT.Ho piazzato un router a metà strada ma ricevo solo il suo segnale.Cosa mi consigli?

  7. Alberto

    Hai bisogno di un ripetitore.
    Ci sono degli apparati WiFi che tra le varie opzioni, oltre che router, possono funzionare anche da WiFi repeater.
    Se nel punto intermedio il repeater riesce a prendere il segnale e la sua ritrasmissione ti raggiunge sei a posto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *