Vai al contenuto

Che cosa devo backuppare?

Che dati bisogna backuppare?

La domanda sembra banale ma non lo è visto che nasconde delle insidie.

In un mondo perfetto tutti i dati dovrebbero essere salvati ma nella vita reale è importante scegliere perché, se si esagera, va poi a finire che c'è così tanta roba da salvare che passa la voglia oppure finisce lo spazio per i backup.

Come primo passaggio consiglio di suddividere i vostri dati in due grandi categorie: la prima comprende quelli che, se persi, non sareste più in grado di riavere (foto personali, documenti personali) e la seconda tutto il resto e quindi quei dati che potete scaricare o ricreare senza troppa fatica (app del telefono, programma del computer, foto pubbliche per esempio quelle che usate come sfondi ecc. ecc.)

La prima categoria dovete backupparla, la seconda no.

Ora che abbiamo il criterio su cosa va backuppato dobbiamo applicarlo a tutti i nostri supporti che contengono dati: attenzione a non dimenticarne. Ad esempio avremo sicuramente dei dati sul telefono e su tablet e computer ma ci sono anche dei dati sul cloud; ad esempio potreste avere Dropbox: non commettete l'errore di pensare che su un sistema remoto di archiviazione i dati siano al sicuro e non serva il backup.

Queste sono solo delle indicazioni di massima ma vi saranno utili per scoprire cosa backuppare.

Foto credit Evan Dennis

Cosa ne pensi? Scrivi un commento.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.