Vai al contenuto

Che licenza usare per pubblicare?

Punto_di_domanda.jpg

Io sono un fautore delle licenze Creative Commons ma non sono un fondamentalista: non ritengo quindi che siano per forza l'unica via da seguire e neppure che siano adatte a tutti.

Mi ha dato modo di riflettere proprio su questo un articolo di Dario Denni che parla di citazioni. Ho commentato e mi ha risposto (leggetevi l'articolo che è interessante) ma mi resta un dubbio.

Dario ha una scritta "Copyright © 2006 Dario Denni". Quella scritta non vuol dire "tutti i diritti riservati"?Se mi piacesse una sua frase e volessi citarla, ad esempio, nel mio mini blog su tumblr? Il suo articolo tratta proprio di questo.

Nel mio blog principale il problema non si pone perché solitamente non riporto frasi di altri ma prendo solamente spunto da queste per scrivere un mio commento come ho fatto ora. Cito la fonte che mi ha fatto scattare la voglia di scrivere la mia.Nel mio tumblelog, invece, faccio quasi sempre il contrario e lo faccio con uno scopo diverso: appunti per miei articoli e segnalazioni che sarebbero OT rispetto a quello di cui tratto qui.La sua visione della citazione quindi si adatta di più a quello che scrivo qui piuttosto che nel mio tumblelog?

Poi, magari, ho solo preso un abbaglio io e "Copyright © 2006 Dario Denni" non vuol dire "tutti i diritti riservati" ma il punto resta: chi, come, dove e quanto citare?

(Ritocco di una foto di the bbp via Flickr)

5 pensieri su “Che licenza usare per pubblicare?

  1. Alberto

    Prego e grazie a te per i complimenti ma sono immeritati.
    Per fare un lavoro come si deve avrei dovuto spenderci parecchio tempo per avere la meglio su tutte le crepe del muro e per adattare meglio la tonalità dello sfondo intorno alla C.

  2. Federico

    Interessante...le licenze mi hanno sempre interessato come argomento..grazie per l'articolo 🙂

  3. MFP

    Albertone, uno può pure scrivere "tutti i diritti riservati" ma non ha il diritto di impedirti di citare... l'espressione "tutti i diritti" non significa che lui ha un diritto di proprietà sull'opera come se fosse una penna o un libro... significa che ha il diritto di sfruttamento commerciale e alcuni diritti morali connessi (es: ritirare l'opera dando indietro i soldi percepiti). Il resto ti spetta di diritto (già gli paghi i finanzieri, i tribunali e i giudici che gli garantiscono il diritto di sfruttamento economico).

  4. Alberto

    Grazie per l'"-one" e grazie per le spiegazioni: effettivamente il diritto di citazione resta a prescindere dal tipo di licenza. A volte, preso dalle licenze CC, me ne dimentico.
    (preso sul serio eh: guarda qui)

Cosa ne pensi? Scrivi un commento.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.