Vai al contenuto

Come portare in tribunale i discografici Americani

Un singolo consumatore italiano che si sentisse vittima della SIAE o di altre associazioni tipo la RIAA Statunitense o direttamente da case discografiche più o meno piccole ha poche possibilità di ribellarsi con successo.

Da noi manca la possibilità di intentare cause collettive (Class Action), cosa che negli Stati Uniti è possibile e che una signora ha fatto: come mi piacerebbe se anche da noi ci fosse la Class Action!

A voi no? 

(Via Stefano Quintarelli)

6 pensieri su “Come portare in tribunale i discografici Americani

  1. Alberto

    Susy, non essere pessimista: Io, Simone, Stefano e te facciamo quattro favorevoli.
    Una petizione con 4 firme smuove qualcosa?
    Magari con qualche firma in più potremmo fare una proposta di legge d'iniziativa popolare... qualche firma in più 😉

Cosa ne pensi? Scrivi un commento.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.