Vai al contenuto

5

Tanti_cellulari.jpg

Leggendo un articolo su telefonino.net scopro un interessante servizio fornito dall'azienda di trasporti pubblici romana. Utili informazioni accessibili gratuitamente su un sito web.

Giustamente, nell'articolo, fanno notare come l'accesso al sito sia gratuito ma la connessione da cellulare la paghi e pure cara.

Non solo la connessione internet da cellulare è cara ma spesso gli operatori la castrano (o castrano alcune funzioni del telefono) in modo da non permetterci di sfruttarla appieno per risparmiare con chiamate telefoniche VoIP o messaggistica istantanea per sostituire gli SMS.

Per quanto tempo andranno ancora avanti prima di rassegnarsi all'idea che non possono più essere compagnie telefoniche mobili ma devono cambiare sesso e trasformarsi in puri trasportatori di bit senza discriminare cosa siano quei bit?

I servizi utili cominciano ad esserci e continuano a crescere: forse è questo che li forzerà al cambiamento. Avendone così tanti saremo noi che, insistendo per usare tutti questi utili servizi in mobilità, li forzeremo a cambiare?

(Foto di Gaetan Lee via Flickr)

La notizia che ho letto su telefonino.net di una nuova plastica biodegradabile che NEC utilizzerà per produrre nuovi telefonini più sottili mi stimolato una considerazione.

Ormai la gente cambia cellulari con la stessa frequenza del cambio delle mutande. Quanto sarà biodegradabile? Molto?

Per la vita media attuale dei telefonini non un problema ma c'è anche chi non lo cambia ogni un per due: a questi marziani cosa capiterà ? Gli si scioglierà in mano dopo un paio d'anni?

🙂