Vai al contenuto

Vulnerabilità contigue

Leggo da Bruce Schneier di un talk di Maggie Stone (Google’s Project Zero) sulle vulnerabilità zero day che sono parenti stretti di precedenti vulnerabilità molto simili.

I cattivi dopo aver visto che un loro attacco viene neutralizzato da una patch riescono in breve a scoprire una nuova falla contigua alla precedente e la sfruttano subito. Secondo la Stone questo accade perché le risorse impiegate per risolvere i problemi di sicurezza sono troppo scarse e quindi si limitano a tappare la specifica falla.

In questo modo è facile trovare un buco contiguo al precedente che la patch non copre.

Questa modalità di operare, rincorrendo e riparando i singoli casi, non funziona. Bisognerebbe aggredire la causa principale che porta ad avere tutto quel gruppo di singoli specifici problemi. Si tratta di un investimento iniziale maggiore ma poi non si sarebbe costretti ad inseguire tutti i successivi zero day.

Certo, poi non è che sparirebbero i problemi, ma almeno i cattivi dovrebbero impegnarsi per scoprire una nuova classe di vulnerabilità e i buoni una nuova soluzione per correggere il problema: insomma, la solita caccia del gatto al topo ma sicuramente la sicurezza complessivamente ne gioverebbe.

Image credit Blue Solution Blog

Cosa ne pensi? Scrivi un commento.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.