Vai al contenuto

L’ISTAT è Creative Commons

wwwistat

L'ISTAT adotta le licenze Creative Commons

per i contenuti del suo sito e io ne sono molto felice: un po' alla volta le licenze Creative Commons crescono andando a soppiantare le vecchie licenze classiche che sono ormai fuori dal tempo.

(Via Alfonso Fuggetta)

2 thoughts on “L’ISTAT è Creative Commons

  1. Adsl Veloce

    Già... strano che anche l'Istat abbia avuto un'idea intelligente per rimanere al passo con i tempi. Segno che qualcosa si stia muovendo anche all'interno di questi apparati macchinosi dello stato?
    Stefab

Cosa ne pensi? Scrivi un commento.