Skip to Content

Non basta criticare: bisogna essere propositivi

maggio 23, 2010 • Alberto

Android anti iphoneNel mio precedente post ho criticato pesantemente la filosofia di Apple ma, come scrivo nel titolo, non basta criticare: bisogna anche essere propositivi!
Simmessa c’è riuscito perfettamente abbinando una critica ragionata alla filosofia di Apple ad una lode ad Android.
Non posso che fargli i miei complimenti e suggerirvi di leggere quello che ha scritto: è molto istruttivo!

Categories: Varie • Tags: , , , ,

8 opinions on “Non basta criticare: bisogna essere propositivi

  1. Grande Al!

    Thx for the trackback!

    Sono solo opinioni, si sa… però credo che i tempi siano maturi per le alternative a Apple…

    A presto!

    S.

  2. leggo questo tuo; ed il link a Simmessa; dopo aver passato la domenica pomeriggio a provare Android.Per la verità, non su cell; ma il suo porting per x86.E’ non sono poi cosi’ convinto che le politiche di Big G, siano poi cosi diverse da quelle di Apple.
    A cui bisogna dare atto di esser divenuto un grande protagonista della scena informatica.La scena è sempre la stessa; Steve Jobs annuncia in pompa magna, crea l’effetto attesa; e poi le code davanti agli store Apple. Funziona perchè se ne parla..anzi traina pure il mercato. Mercato che è tra i pochi che non hanno subito la crisi, questo ha fatto in modo che tutti ci si buttassero dentro persino i cinesi.Ma come dimostrato fin qui, per avere device e software di qualità, bisogna comunque sborsare cifre esorbitanti.Il linux degli smartphone e ancora di la da venire.

  3. surfer, mi tocca in parte darti ragione.
    Google non è assolutamente un santo: nulla di paragonabile a Apple ma sicuramente fanno i loro interessi e qualche volta superano alcuni limiti che non andrebbero superati.
    Anche per quanto riguarda il mitico “linux degli smarphone” hai ragione.
    L’hardware la fa da padrone per quanto riguarda i costi.
    La differenza tra Google è Apple non è che la prima non voglia creare il proprio giardinetto recintato ma che lo faccia in modo diverso. Io sono “ingabbiato” dentro gmail, per esempio, ed è un classico walled garden ma BigG non mi mette i bastoni tra le ruote se volessi uscire. Ho diversi modi puliti ed eleganti per farlo e lo farò quando il prezzo che pago a Google per avere la sua email diventerà troppo alto rispetto al servizio offerto.

  4. Android sta facendo un progetto assurdo a mio avviso. L’unica cosa è che ogni giorno esce un cellulare nuovo con Android e mai uno “perfetto” sempre a mio preavviso. che poi Android non potrà mai sostituire Apple per il semplice motivo PENSO che Apple oltre a gestire il SO del cellulare gestisce anche il suo Hardware come penso io Android no…

    Saluti

  5. Costruirsi il software su un hardware ben preciso è decisamente meglio che doverne realizzare uno che vada bene su qualsiasi hardware: in questo senso hai ragione.

  6. Io invece ho riscontro ancora problemi di incompatibilità quali sono secondo voi gli hardware su cui gira meglio android? i Samsung? gli HTC? ditemi voi..

Lascia un commento

Your email address will not be published.