Vai al contenuto

Portabilità successiva: quasi ci siamo!

Portabilità successiva

La portabilità successiva del numero di telefono fisso è un mio vecchio cavallo di battaglia ma questa volta mi sono fatto fregare.

Sul forum di NGI Rasky e gabbo85 mi fanno notare che c'è un importante aggiornamento, ovviamente positivo, del quale non ero a conoscenza.

Fino a poco tempo fa la portabilità successiva, cioè quella che vorrebbe effettuare dopo che già se n'è effettuata una, era sostanzialmente impossibile nonostante le norme parlassero di un obbligo da parte degli operatori.

La buona notizia è che EuteliaVoip sembra poterla realizzare a patto che il numero da portare sia originario Telecom Italia (è il caso più comune) e un altro dettaglio tecnico relativo al codice di migrazione.

Per fare un esempio se un utente ha portato il proprio numero di telefono fisso Telecom Italia verso Fastweb e poi decide di effettuare la portabilità successiva verso EuteliaVoip ora può.

Sembra essere una procedura un po' manuale ma è sempre meglio di niente!

La concorrenza vera che si creerebbe con una reale e funzionante portabilità successiva aiuterebbe ad abbassare ulteriormente il costo delle chiamate dal telefono fisso (VoIP, ovviamente) e questo penso che piaccia a tutti.

Appena avrò occasione di provare (magari presso qualche mio cliente) questa novità vi aggiornerò: se qualcuno di voi ha già fatto la mitica portabilità successiva me lo dica qui in un commento o via e-mail

14 thoughts on “Portabilità successiva: quasi ci siamo!

  1. casty

    Il mio dubbio è
    Ma se fai la Number Portability su Eutelia e questa scompare o viene venduta a pezzi cosa ne sarà di questo numero di telefono ?

    Possibile che qualcuno che si compra il voip di Eutelia ti chieda un canone (come fanno tutti quanti tranne appunto Eutelia) per mantenere in vita tale numero ?

    ciao

  2. Alberto

    Purtroppo è possibile.
    Eutelia non è che stia per fallire eh?
    Stanno vendendo la parte IT concentrandosi sulla parte telefonica quindi, per ora, la situazione non è grave.
    Nel caso che vadano a gambe all'aria il problema è più grave del tuo (e del mio) numero di telefono che sparisce. Eutelia è il primo gestore VoIP italiano il 4 (se non ricordo male) gestore telefonico in generale italiano quindi capisci che la cosa sarebbe preoccupante

  3. patrizia

    io ho tentato la divisione dei servizi internet e telefonia di cui finora mi servivo con fastweb, ho portato un nuovo cavo dati con siportal per internet e avviato la procedura di portabilità del numero telefonico ex telecom da fastweb a euteliavoip.UN DISASTRO.per ora non so come finirà,eutelia accampa problemi col codice di migrazione(che contiene il numero da portare)e fastweb dice che problemi non ne esistono e che la legge è chiara...che fare?IMPOSSIBILE AVERE INFO DEFINITIVE.sono disperata e cerco aiuto urgentemente........

  4. Alberto

    Purtroppo la tua situazione è in una terra di mezzo.
    Il fatto di poter fare la portabilità successiva solamente in alcuni casi è da vedere come un vantaggio.
    Chi può, bene, chi non può... pazienza.
    Peccato che sarebbe fondamentale saperlo con certezza prima per non finire, come te, in una situazione con soldi spesi che rischiano di essere buttati.
    Peggio ancora con il numero di telefono tenuto in ostaggio.
    Mi dispiace di non poterti aiutare 🙁

  5. michele

    io ho avviato 3 NP su Euteliavoip:
    Una da TI conclusasi in 15 gg
    Una da FW fibra di un numero originario TI, che ci ha messo circa 2 mesi ed è quasi completa
    Una da FW fibra di un numero FW. Ancora non conclusa per alcuni problemi.

    Con la NP si interrompe automaticamente il contratto col gestore precedente.
    I tempi di portabilità sono sensibilmente più lunghi se il gestore non è TI

  6. Alberto

    Beh, Michele, per essere uno solo hai un discreta casistica!
    Grazie per averla condivisa con noi: sapere che se il gestore non è TI la procedura è puù lenta magari tranquillizza chi è in quella situazione e, dopo un po' che aspetta, inizia a preoccuparsi.

  7. Michele

    Ti dirò di più.. come linea dati al posto della ADSL tradizionale uso una chiavetta USB della Tre/Yahoo. Abbinata a router voip Draytek, che la riconosce come USB modem.

    Massima mobilità e indipendenza dai gestori tradizionali. 10GB a 19 Eur / mese. Per chi non genera tanto traffico va più che bene.

    ciao

  8. Alberto

    Sarai fortunato e avrai la cella di Tre usata solo da te e forse pochi altri per il traffico dati: fare VoIP su 3G/HSDPA/HSUPA non è proprio il massimo della vita 😉

  9. giancarlo

    Ciao ragazzi, trovo interessanti le vs. discussioni anche perchè sono di carattere ben preciso.
    Vi dico come son messo, da due mesi ho Eolo 3Mb/256K che va decisamente meglio di AlXXe, in dwnl scarico a punte di 365/KB/s in questa cittadina di 3500 anime non c'è ADSL di TI) mentre per telefono di casa sono da tre mesi passato a Te..2 per risparmiare qualche spicciolo.
    Tre settimane fa la NGI di Eolo ha lanciato
    una interessante offerta che mi permette di dimezzare, con il Voip EOLO Voce, la bolletta.
    Consapevole di pagare 60 Euro di penale
    staccandomi da Te**2 pensate che essendo numero nativo da TI potrò mantenere stesso N° di casa ?
    Spero ci sia qualche legge che parli chiaro
    in proposito, mi date una mano?
    Se non c'è nero su bianco TI penso non
    cederà mai, (anche se non ho Adsl in uso)
    grazie e cordiali saluti a tutti,
    giancarlo

  10. Alberto

    Giancarlo: TI è obbligata ad effettuare la number portability.
    Se il tuo è un numero di telefono nativo telecom e mai portato ad altro operatore (Tele2 è solo in carrier preselection) è esattamente come ti ho detto.
    Se invece non ricevi più bollette da TI allora hai portato il numero su Tele2 e in questo caso la faccenda è complicata e quasi sicuramente non fattibile.

  11. giancarlo

    Grazie Alberto, sempre preciso e puntuale,
    purtroppo cado nell'ultima voce, non pago canone TI per cui, anche se NGI farà il possibile, avrò ben poco da sperare,
    pazienza mi daranno numero nuovo geografico della mia zona, che mi dicono gratuito compreso nel contratto Eolo Voce voip, così finalmente non sarò più vincolato da cavetti
    doppini e cose varie, ma solo via etere,
    tecnologia Iperlan/2 adsl e voce!
    Grazie e alle prossime, salutissimi gian.

  12. alberto

    Siamo ormai nel 2010 e sono deciso a lasciare TI per passare a NGI o MCLINCK. Attualmente ho TI e Adsl telecom su linea business ma uso prettamente la linea TI per le chamate in entrata in quanto da tempo uso il voip per le chiamate in uscita.
    Visto che non posso cambiare n. di tel. per ovvi motivi si è smosso qualcosa sulla portabilità successiva? avete esperienze di piccole aziende che hanno fatto questo passo?
    Grazie
    Alberto

  13. Alberto

    Per un azienda è sempre più complicato che per un privato.
    La qualità che è necessario ottenere per la fonia aziendale è piuttosto costosa a meno che uno non abbia risosre interne molto esperte che riescano a bilanciare bene costi e qualità.
    In questa ottica i problemi di portabilità successiva passano in secondo piano visto che la soluzione più pratica e sicura è mantenere TI per le chiamate in ingresso e usare il VoIP per quelle in uscita.

Cosa ne pensi? Scrivi un commento.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.